Cosa sono i “coefficienti di misurazione dei volumi”?

Nelle bollette di fatturazione del gas, sono riportate due ulteriori voci:

PCS: rappresenta il potere calorifico di un metro cubo di gas (cioè il calore prodotto) in condizioni standard e serve per convertire il metro cubo in energia (la grandezza fisica rilevante per il consumatore finale); costituisce un parametro comune a tutti i servizi del sistema del gas naturale.

IL FATTORE C di conversione dei volumi riporta i volumi dalle condizioni misurate alle condizioni standard. Il fattore di conversione C è necessario in quanto il volume di una medesima quantità di gas dipende dalla pressione e dalla temperatura a cui tale quantità viene consegnata. In pratica la stessa quantità di gas (e di energia) consegnata a Belluno occupa un volume diverso da quello che occuperebbe se fosse consegnata a Palermo: per fare in modo che il cliente finale paghi lo stesso importo è necessario, in entrambi i casi, riportare la misura del volume ad un riferimento di pressione e temperatura standard (pressione atmosferica e temperatura 15 °C). Ad ulteriore tutela dei clienti finali, con la delibera Arg/gas 155/08, l’Autorità per l’Energia ha previsto l’introduzione di moderni ed efficienti contatori elettronici che le aziende dovranno installare presso l’80% delle famiglie entro il 2016.